Paolo Costa

Rappresentanti delle istituzioni, dei corpi, autorevoli
gnaffetto
Messaggi: 421
Iscritto il: venerdì 12 ottobre 2018, 9:37

Paolo Costa

Messaggioda gnaffetto » mercoledì 12 dicembre 2018, 8:28

credo che per capire il sottobosco di intrecci e provare a identificare alcuni dei gruppi in contrasto-accordo sia utile approfondire questo figuro.
In questa parziale ricostruzione manca un tassello della carriera: commissario governativo per la caserma Dal Molin, la mega installazione militare americana a Vicenza (non NATO ma USA), imposta alla popolazione.
Sono solo spunti ma il quadro è abbastanza chiaro: Gli USA pescano manovalanza a destra, sinistra centro, sopra e sotto per poter indirizzare il posizionamento geopolitico dell'italia (anche a perdere) nei loro giochi strategici.

https://corrierequotidiano.it/cronaca-p ... e-oltre-ad

La verità sulla strage del Polcevera potrebbe essere custodita in una grigia e anonima palazzina di una traversa di via Padova, alla periferia nord di Milano. Si tratta della sede della società Spea engineering, controllata dal gruppo Atlantia-Autostrade, che mercoledì ha ricevuto la visita della Guardia di finanza, e che avrebbe dovuto mettere in sicurezza il ponte Morandi.


Spea è già indagata ad Ancona, insieme con il consigliere Roberto Tomasi, per il crollo del ponte sull' A14 che costò la vita a due persone nel marzo 2017. Il contenuto delle relazioni che gli ingegneri di Spea hanno stilato sul nodo di Genova sarà al centro delle indagini perché se queste informative contenevano allarmi specifici che sono stati presi sotto gamba dall'ex-ministro Graziano Delrio aumentano le possibilità di Autostrade di salvarsi.


Sempre Spea, invece, si è tirata fuori dal pasticcio del professor Enzo Siviero, il super esperto che è andato in giro a parlare di possibile attentato, una tesi ovviamente tutta da dimostrare, ma che risolverebbe in un colpo solo tutti i rischi legali di Autostrade. Dopo le polemiche per la sua uscita, Siviero ha ribadito di essere stato ingaggiato come consulente proprio da Spea, ma la società lo ha scaricato affermando che l' incarico non era mai stato formalizzato.


In ogni caso, colpisce la presenza ai vertici di Spea di un altro prodiano come Costa, ex sindaco di Venezia ed ex numero uno del locale porto. Da ministro gettò le basi della privatizzazione di Autostrade seguendone non l' assegnazione, di competenza del Tesoro, ma provvedendo a fornire la «dote» della società in termini di proroghe. Blindate.

E da sincero amante dei caselli, il 27 aprile del 1998 andò a un convegno ad annunciare: «Il pagamento del pedaggio dovrà essere esteso progressivamente, dalle autostrade alle superstrade e alle strade principali».

Torna a “Le figure di spicco”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite